Un sistema fiscale oppressivo non si limita a ridurre il benessere, ma distrugge anche le
libertà civili e individuali.
Le tasse non riguardano soltanto l’economia di una nazione, ma anche la libertà dei
suoi cittadini.
Un sistema fiscale non deve ridurre il benessere, la produzione, i consumi, le libertà civili e
individuali, occorre che lo Stato  tuteli i diritti di tutti, quello che sta accadendo a noi in questa
fase storica invece pare una macchina di controllo
e spionaggio simile a quella  dei regimi totalitari.
Perciò occorre ed è indispensabile che lo Stato riesca a controllare lo squilibrio tra le troppe tasse
e la percezione della loro utilità, trasforma il problema da economico a politico.
Ogni eccesso di pressione fiscale sospende il rapporto fiduciario tra lo Stato e i cittadini.
Oggi, dunque, assistiamo al paradosso che, nelle attuali democrazie, i sistemi fiscali riproducono
l’autoritarismo ed il criterio espropriante dei modelli assolutistici.
Dunque, lo Stato, questo “Grande Fratello” che ci toglie la libertà, fa in modo che in nome della sicurezza noi gli cediamo il controllo delle nostre esistenze.
Però un Governo non può e non deve dirci come dobbiamo vivere, ma creare le condizioni
affinchè si crei un rapporto fiduciario tra i cittadini, dimostrando sicurezza.
Dunque lo Stato deve saper intervenire nell’istruzione, nella ricerca, nell’informazione, nelle
professioni, nelle industrie, provocando così con il peso della conoscenza statizzata direttamente
nelle vite dei cittadini che a loro spese scoprono di essere non solo meno liberi ma anche meno
sicuri.
In pratica, più il potere aumenta le sue funzioni, più diminuiscono, sotto un’apparente sicurezza
le libertà civili e morali.
Ritengo che lo Stato va affrontato anche come questione gnoseologica, perchè non conosce
tutto, non può tutto, non deve fare tutto e la verità si manifesta come critica dei poteri di un
sapere indebito, che mira a privarci della nostra prima libertà e del nostro primo dovere: il
Governo di noi stessi.

Valeria Rosaria Singetta, referente per la provincia di Matera associazione culturale Forza Civica

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *